OPERE    
BIOGRAFIA    
RECENSIONI    
INTERVISTE    
ALTRI SITI    
DOWNLOAD    
DISCOGRAFIA    
BIBLIOGRAFIA    
DIDATTICA    
E-MAIL    

 

...è una musica di chi sa quello che vuole e sa come realizzare il proprio progetto...
Luis De Pablo

Recensioni

Tre Piccoli Studi sul Potere (2010)
...Ci sono pure vere scoperte, come nella nuova opera del compositore italiano Fabio Cifariello Ciardi, che proietta i discorsi pubblici di politici quali Bush, Obama, Blair, mentre apposite cuffie diffondono in sincrono le note di partiture per clarinetto, flauto e violoncello. Altro non sono che le trascrizioni in un mezzo non verbale di quegli stessi discorsi, di cui Cifariello Ciardi scoperchia le tecniche oratorie, i ritmi, i trucchi. Accolto in mostra con l'aura di una monumentalità ufficiale che trasuda dalla prima sala, tra ritratti dal possente bianco e nero, il visitatore più accorto deve scoprire il trucco.
Valeria Ronzani - Il Sole24Ore 5/10/2010

In un percorso totalmente visivo spicca la nuova opera del compositore Fabio Cifariello Ciardi (Italia, 1960) che ha come oggetto i discorsi pubblici di celebri uomini politici, letteralmente trascritti in partiture per clarinetto, flauto e violoncello che evidenziano le loro studiate tecniche oratorie di persuasione.
www.daringtodo.com Anno III - Numero 288 - 15/10/2010

Appunti per Amanti Simultanei I (2010)
Notevoli le due novità per intonarumori, lo strumento che Russolo inventò nel 1917, confinato in ricordi sommersi. Fabio Cifarielli Ciardi e Mauro Lanza sono andati certamente al di là dell’utopia futurista, sfruttando le possibilità compositive offerte dagli strumenti ripristinati un trentennio fa da Pietro Verardo. Negli “Appunti” Ciardi manipola una registrazione della voce di Marinetti con l’elettronica e la tromba immortale di Michele Lomuto che si innesta nell’aspra fonicità degli intonarumori.
Mario Messinis - Il Gazzettino di Vebnezia5/10/2009

[...]si sono apprezzati – negli splendidi spazi delle Tese dell’Arsenale suddivisi in palchi e torrette – due nuovi lavori per intonarumori di Fabio Cifariello Ciardi e Mauro Lanza.
Enrico Bettinello - Il Giornale della Musica - ottobre 2009


Ab (2007)
...] compitini, di saggi per l'esame di conservatorio, fanno eccezione [...] nella prima puntata, il 6, Fabio Cifariello Ciardi [...]
Mario Gamba - Il Manifesto 11/10/2007

Autorevoli le esecuzioni realizzate dall’Icarus Ensemble nel concerto del 6 ottobre, in particolare del percussionista Alessandro Carobbi che ha mostrato grandi capacità performative soprattutto in Ab di Fabio Cifariello Ciardi, un lavoro dalle intricate trame gestuali e apprezzabili soluzioni timbriche;
F.C. http://www.radiobase.net

Ankaa (2006)
Una haydn spagnola - Chichon la accende insieme a Roberta Gottardi
..Incastonato nel programma ispanico, trovava brillante collocazione la prima esecuzione assoluta di un lavoro sinfonico di Fabio Cifariello Ciardi, quarantaseienne compositore romano, qui alle prese con un'idea fantastica che, anche grazie al determinante apporto del clarinetto della bravissima concertista trentina Roberta Gottardi, a ad una 'Haydn' particolarmente ingaggiata nella novità e nell'originalità della scrittura, vede del tutto valorizzata la creazione di un mondo sonoro immaginifico, incorniciato in un'efficace rappresentazione tra musica e teatro.
Andrea Bambace, Alto Adige, 8/02/07

Felici invenzioni sonore.
Coinvolgente Orchestra Haydn all'Auditorium di Bolzano

..."Ankaa"comincia con una sorta di energica cadenza per clarinetto solo, il solista dal pubblico muove verso il palco, giunto sul palco dà l'attacco all'orchestra, gli strumentisti non imbrqacciano i loro strumenti ma battono i piedi e solo a questo punto entra in scena il direttore, occupa il podio e svolge il proprio lavoro. La musica si sviluppa offrendo cangianti panorami sonori. Il pianoforte viene suonato anche con le bacchette proprie delle percussioni, nell'armamentario dei percussionisti figura pure una bottiglia di plastica e una grossa catena d'acciaio, l'arpista imbraccia un arnese per strofinare le corde del suo strumento, ma il tutto non è gratuito effetto, è la necessaria performance per ottonere sonorità di felice invenzione. Naturalmente impeccabilela performance di Roberta Gottardi, chiude abbandonando l'orchestra.
Mauro Franceschi, L'Adige 8/02/07

Dynamisch dirigiert, virtuos gespielt
Direzione dinamica, esecuzione virtuosistica. ... Segue la prima esecuzione di "Ankaa", una commissione dell'Orchestra Haydn di Trento e Bolzano: all'orchestra Fabio Cifariello Ciardi ha contrapposto un clarinetto solista. Roberta Gottardi entra in platea da una porta laterale, già suonando, mentre l'orchestra tace ancora. Si rivolge al pubblico, lo sfida, lo stuzzica. La partitura esige da lei un virtuosismo estremo. Lei la domina con forza ed eleganza. Infine arriva sul palco. I musicisti dell'orchestra battono i piedi, il direttore entra e ridà loro la voce. Il pezzo è ora messo in scena, come una piéce teatrale. Corpi sonori esotici come bottiglie di plastica e catene di alluminio ci ricordano che anche la musica più complessa può essere arte e gioco di suoni e rumori. Dentro c' è la storia di una faticosa unione. Nella tradizione della poesia sufi l'unione mistica con il trascendente viene simboleggiata nel suo stadio ultimo da un uccello, l'Ankaa. Alla fine del pezzo il clarinetto abbandona in silenzio il palcoscenico. L'orchestra ha accolto dentro di sè la sua voce.
Bettine Ties, Dolomiten 8/02/07

Altri Passaggi (2005)
Un virtuoso di zarb e di daf, due diversi tamburi dell’antica Persia, nonché vocalista. Iraniano residente in Francia, maestro di sapienze musicali sorte millenni fa e di sapienze musicali contemporanee, Mahammad Ghavi Helm ha incontrato felicemente i quattro compositori che formano Edison Studio [...] magnificamente complesso tra euforia tecnologica e «viaggio al centro della terra» Cifariello Ciardi [...]
Mario Gamba - Alias Il Manifesto 23/09/06

The Sound of Nasdaq (2003)
"...una partitura di grande impatto...
La «musica del Nasdaq» fa sospirare l'investitore...
Idea geniale e dalle conseguenze imprevedibili..."
Sandro Cappelletto - La Stampa 24/11/03
Leggi l'intero articolo
"Cifariello Ciardi, Porta In Scena La 'Voce' Assurda Dell'Economia
...singolare percorso tecnologico..."
Cap/Cnz/Adnkronos 17/11/03
"Musica per l'economia, anzi musica fatta dalla borsa economica americana. ... curioso concerto multimediale"
L'Avvenire 18/11/03

Metafore (1993-1995)
...In Metafore per quartetto d'archi la materia sonora arriva in modo convincente ad una logica 'fluida', senza fratture. Anche quando alla fine si arriva a Johannes Chrisostomus Wolfgangus Amadeus Mozart, si ha l'impressione di una nascita, dal ventre di qualcuno...

Luis de Pablo - comunicazione personale 1/7/03

Games (1999)
Fabio Cifariello Ciardi (Italy) skillfully incorporates acoustic and electronic processes in Games (1999), for double bass and live electronics. This work is simple, clear, and inventive, making the bass sometimes sound like a sitar, sometimes like a noisy electric guitar.
Thomas Gerwin - Computer-Music-Journal n.25 issue

Cd Tracce Giochi Finzioni (2000)
Fabio Cifariello Ciardi, classe 1960, si dedica costantemente alla psicologia della musica ed ai rapporti fra memoria e composizione musicale. Ed alla memoria si legano le sue opere incluse in questo CD, ma non intesa in senso nostalgicamente narrativo. Si tratta invece di Giochi della mente, di Finzioni tese a delineare Tracce di melodie, frammenti di opere celebri qui immersi in un linguaggio musicale nuovo e complesso. I sette brani presentati utilizzano tre tipi di riferimenti mnemonici, dalla citazione riconoscibile allo smembramento del materiale tematico noto, che diviene così non riconoscibile, sino alla ricostruzione di un ambiente sonoro storico evocato solo dalla suggestione timbrica di uno strumento, come il clavicembalo ne Il gioco delle gabbie. I referenti vanno da Brahms, Dukas, Gershwin, Mozart, Bizet sino agli Emerson Lake and Palmer e Jimi Hendrix. Un'altra interessante occasione per verificare come i linguaggi artistici di oggi crescano metabolizzando il passato. Voto Artistico:ś10 Voto Tecnico:ś10
Fabio Renato D'Ettorre - SUONO n. 324, settembreś2000

Ormond Brasil (2002)
per attore e pianoforte
"... il melologo di Fabio Cifariello Ciardi...si mantiene con coerenza e lucidità in una scia che rimane ancora colta in virtù di un'architettura sonora complessa e ben organizzata"
Marco Russo - L'Adige, 28/11/02

Altre tracce (1992 - 1997)
per clarinetto
"Il terzo brano offriva alla vista e all'ascolto, il talento e la cultura europea di due giovani musicisti eccezionali. Il compositore Fabio Cifariello Ciardi, autore di "Altre Tracce" e la sua interprete Roberta Gottardi. Mai visto un consumato virtuso esorcizzare con la naturalezza di questa ragazzina le polifonie illusorie del clarinetto in si bemolle."
Mya Tannenbaum - Corriere della Sera, 2/12/94

"...il continuo fiorire di effetti particolari motivati dalla sfida alla melodicità dello strumento in una continua ricerca di false e reali polifonie"
Annely Zeni - L'Alto Adige 9/4/98

"Si assiste così, in queste pagine, ad una sorta di gioco polifonico a due parti (una "invenzione a due voci", si potrebbe dire) tra il "noto" e il "non-noto", in cui però le due linee si incrociano e si confondo continuamente: la musica nota (Mozart, Rossini, Bizet) si presenta in realtà come "non riconoscibile" e viene riconosciuta solo grazie alla traduzione nella lingua "nota", anche se apparentemente mai udita..."
Guido Barbieri - note al CD Tracce Giochi Finzioni

"...con ammiccante ironia e nostalgia segue percorsi segnati dalla contaminazione dei generi trovando immaginarie orme lasciate da una "poloifonia di memorie"
Stefano Fogliardi - L'Adige 8/4/98

Tracce II (1992)
per fagotto
"...uno sdoppiamento che perviene ad un risultato particolarmente interessante in Tracce II quando nel registro acuto del fagotto si condensano i grumi, i filamenti di una bossa nova di Jobim e di un song di Duke Ellington, resi accuratamente irriconoscibili, mentre nel registro grave, simultaneamente, si muove un canto acido, aspro, lancinante che cade addosso alla "musica nota" come una luce fredda, cupa, ma che la rende improvvisamente nitida e trasparente."
Guido Barbieri - note al CD Tracce Giochi Finzioni

Concertino (1991)
per chitarra e orchestra
"Cifariello sceneggia. Una vera piccola sceneggiata: gli archi s'ingroppano in sfuriate senza riuscire a dare alle loro dissonanze una motivazione; un flauto, un clarinetto e un fagotto provano a tessere sussulti di figurazioni; ma è quando arriva una chitarra, e si distende in una lunga cadenza di ricordi di Albeniz e di Rodrigo e di Yesterday, subito camuffati, che gli archi riprovano a cercare una loro ragione, e s'inseriscono a saggiare armonie ed a tentare un dialogo: che si sviluppa e diventa corposo e s'esalta rapidamente e poi si spegne. Pezzo abile, d'un autore che se fosse in teatro scriverebbe le parti proprio per gli attori che ha a disposizione, e che scrivendo per strumentisti ha preso le misure felicemente sul chitarrista Massimo Laura, cattivante e fantasioso protagonista; è una specie di scongiuro, anzi di brindisi alla salute della musica.
Lorenzo Arruga - Musica Viva n.5 anno XV, maggio 1991

Frans van Mieris (1999)
per fagotto e voce recitante
"...con il suo brano ha ritrovato il l'elemento burlesco ed ironico spesso presente anche nella poesia di Sanguineti"
Giulietta Bettini - Corriere Adriatico 17/8/99

Scaenae Intimae (1998)
per chitarra e computer
"...c'era, inannzitutto, il virtuosismo della chitarra di [Stefano] Cardi...nell'originalissimo diario esistenziale di Cifariello Ciardi"
Mya Tannenbaum - Corriere della Sera, 4/7/00

Tracce V (1996)
per contrabbasso
"Colpi energetici e note appena pronunciate. Emerson, Lake & Palmer e virtuosismo sulla tastiera. Finale con scheggia impazzita."
Mauro Carli - Il Manifesto 2/10/1999

Il Gioco delle gabbie (1989)
per clavicembalo
"Fabio Cifariello Ciardi... abilissimo nel catturare preziose memorie e poi lasciarle andare in un libero volo."
Erasmo Valente - L'Unità, 14/11/92

Metagramma (1990)
per 11 strumenti
"Fabio Cifariello Ciardi... rivela già vividezza di scrittura non disgiunta ad una ricerca di plausibili impasti timbrici."
Enrico Cavallotti - Il Tempo 2/11/90


TORNA SU

>>>Fabio Cifariello Ciardi  
RECENSIONI